Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Emraclidina, un nuovo modulatore allosterico positivo dei recettori colinergici M4, per il trattamento della schizofrenia


Emraclidina è un nuovo modulatore allosterico positivo per il recettore M4 altamente selettivo, penetrante nel cervello, in fase di sviluppo per il trattamento della schizofrenia.
Sono state valutate la sicurezza e la tollerabilità di più dosi crescenti di Emraclidina in pazienti con schizofrenia.

È stato condotto uno studio di fase 1b randomizzato in due parti negli Stati Uniti. I partecipanti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 50 anni ( parte A ) o 18-55 anni ( parte B ) con una diagnosi primaria di schizofrenia secondo il DSM-5 ( Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders quinta edizione ), come confermato dalla Mini International Neuropsychiatric Interview, e valutazioni dei sintomi extrapiramidali che indicavano sintomi da normali a lievi allo screening.

La parte A ha valutato la sicurezza e la tollerabilità di Emraclidina in cinque coorti di partecipanti con schizofrenia stabile che hanno ricevuto dosi orali crescenti di Emraclidina 5-40 mg ( 40 mg sono stati somministrati come 20 mg due volte al giorno ) oppure placebo in un singolo sito statunitense.

La parte B era uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo che ha arruolato adulti con schizofrenia acuta in cinque siti statunitensi; i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Emraclidina 30 mg una volta al giorno, Emraclidina 20 mg due volte al giorno oppure placebo per 6 settimane ( dosi stabilite nella parte A ).

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la tollerabilità, valutate nella popolazione di sicurezza ( partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di Emraclidina o placebo ).

Tra settembre 2019 e settembre 2020, 118 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e 49 sono stati assegnati in modo casuale in cinque coorti nella parte A.
44 partecipanti hanno completato lo studio, con 36 partecipanti che hanno ricevuto Emraclidina e 8 che hanno ricevuto placebo.

Le due dosi più elevate testate sono state selezionate per la parte B. Tra ottobre 2020 e maggio 2021, 148 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e 81 sono stati assegnati in modo casuale a Emraclidina 30 mg una volta al giorno ( n=27 ), Emraclidina 20 mg due volte al giorno ( n=27 ) oppure placebo ( n=27 ) nella parte B.

L'incidenza di eventi avversi ( 14 su 27 partecipanti, 52%, nel gruppo Emraclidina 30 mg una volta al giorno, 15 su 27, 56%, nel gruppo Emraclidina 30 mg una volta al giorno, 15 su 27, 56%, nel gruppo Emraclidina 20 mg due volte al giorno e 14 su 27, 52%, nel gruppo placebo ), le valutazioni cliniche e variazioni di peso erano simili tra i gruppi.

L'evento avverso più comune è stata la cefalea ( 15 su 54 partecipanti, 28%, nei gruppi Emraclidina, 7 su 27, 26%, nel gruppo placebo ).
Aumenti modesti e transitori della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca nei gruppi trattati con Emraclidina osservati all'inizio del trattamento sono diminuiti nel tempo e non sono stati considerati clinicamente significativi entro la settimana 6.

Questi dati supportano ulteriori indagini sull'Emraclidina come trattamento una volta al giorno per la schizofrenia senza necessità di titolazione e con un profilo di effetti collaterali potenzialmente favorevole. ( Xagena2022 )

Krystal JH et al, Lancet 2022; 400: 2210-2220

Psyche2022 Farma2022



Indietro