Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Efficacia del trattamento antipsicotico orale rispetto a quello a lunga durata d'azione nei pazienti con schizofrenia in fase iniziale: studio EULAST


La schizofrenia è un grave disturbo psichiatrico con periodi di remissione e ricaduta. Poiché l'interruzione del farmaco antipsicotico è la ragione più importante per la recidiva, il trattamento di mantenimento a lungo termine è fondamentale.

Non è chiaro se gli antipsicotici intramuscolari a lunga durata d'azione ( deposito ) siano più efficaci dei farmaci orali nel prevenire l'interruzione del trattamento. È stato confrontato il tempo all’interruzione per tutte le cause nei pazienti assegnati in modo casuale a farmaci iniettabili a lunga durata d'azione ( LAI ) rispetto ai farmaci orali.

EULAST era uno studio pragmatico, randomizzato, in aperto condotto presso 50 ospedali generali e cliniche specialistiche psichiatriche in 15 Paesi europei e in Israele.

I pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con schizofrenia DSM-IV ( come confermato dalla scala MINI [ Mini International Neuropsychiatric Interview ] 5 plus ) e che avevano avuto il primo episodio psicotico da 6 mesi a 7 anni prima dello screening, sono stati assegnati in modo casuale a Paliperidone iniettabile a lunga durata d'azione, Aripiprazolo iniettabile a lunga durata d'azione o alle rispettive formulazioni orali di questi antipsicotici.

La randomizzazione è stata stratificata per Paese e durata della malattia ( da 6 mesi a 3 anni vs 4-7 anni ). I pazienti sono stati seguiti fino a 19 mesi.

L'endpoint primario era l'interruzione, indipendentemente dal motivo, durante 19 mesi di trattamento.

È stata utilizzata l'analisi di sopravvivenza per valutare il tempo fino all'interruzione per tutte le cause nel gruppo ITT ( intention-to-treat ) e sono state eseguite anche analisi per protocollo.

Tra il 2015 e il 2018, 533 persone sono state reclutate e valutate per l'idoneità. La popolazione ITT comprendeva 511 partecipanti, con 171 donne ( 33% ) e 340 ( 67% ) uomini, e un'età media di 30.5 anni. 410 dei 511 partecipanti ( 80% ) erano bianchi, 35 erano neri ( 7% ), 20 ( 4% ) erano asiatici e 46 ( 9% ) erano di altra etnia.

Nel gruppo di trattamento combinato con antipsicotici orali di 247 pazienti, 72 ( 29% ) hanno completato lo studio e 175 ( 71% ) hanno soddisfatto i criteri di interruzione per tutte le cause.
Nel braccio di trattamento iniettabile a lunga durata d'azione combinato di 264 pazienti, 95 ( 36% ) hanno completato lo studio e 169 ( 64% ) hanno soddisfatto i criteri di interruzione per tutte le cause.

Le analisi di regressione di Cox hanno mostrato che l'interruzione del trattamento per qualsiasi causa non differiva tra i due gruppi di trattamento combinati ( hazard ratio HR 1.16; P=0.18 ).

Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nel tempo all'interruzione per tutte le cause tra i gruppi di trattamento combinato orale e combinato iniettabile a lunga durata d'azione ( log rank test X2=1.87; P=0.17 ).

Durante lo studio, si sono verificati 121 ricoveri psichiatrici in 103 pazienti e un paziente di ciascuno dei gruppi iniettabili a lunga durata d'azione è deceduto; il decesso del paziente assegnato a Paliperidone è stato giudicato non correlato al farmaco, ma la causa del decesso dell'altro paziente non è stata condivisa con il team dello studio.

In tutto 86 dei 350 partecipanti ( 25% ) con dati disponibili soddisfacevano i criteri di acatisia e 70 ( 20% ) soddisfacevano i criteri di parkinsonismo a un certo punto durante lo studio.

Non è stato riscontrato alcun vantaggio sostanziale per il trattamento antipsicotico iniettabile a lunga durata d'azione rispetto al trattamento orale per quanto riguarda il tempo all’interruzione nei pazienti con schizofrenia in fase iniziale, indicando che non vi è alcun motivo per prescrivere antipsicotici iniettabili a lunga durata d'azione invece di antipsicotici orali se l'obiettivo è prevenire l'interruzione del farmaco antipsicotico nella pratica clinica quotidiana. ( Xagena2023 )

Winter-van Rossum I et al, Lancet Psychiatry 2023; 10: 197-208

Psyche2023 Farma2023



Indietro