Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Comorbilità psichiatriche nei pazienti con ipertensione endocranica idiopatica


La malattia psichiatrica è una comorbilità frequente nell'ipertensione endocranica idiopatica ( IIH ) ed è stata associata a un esito soggettivo sfavorevole.
Nessuno studio prospettico ha studiato le comorbilità psichiatriche nell'ipertensione endocranica idiopatica di nuova insorgenza.
Uno studio ha ora esaminato la gravità della malattia nell'ipertensione endocranica idiopatica a seconda della comorbilità psichiatrica.
Importanti esiti secondari erano la gravità della malattia dopo 6 mesi e la prevalenza delle malattie psichiatriche nell'ipertensione endocranica idiopatica.

Questo studio di coorte prospettico e osservazionale ha incluso consecutivamente pazienti con ipertensione endocranica idiopatica di nuova insorgenza clinicamente sospetta da 2 Centri per la cefalea.
È stato completato un workup diagnostico standardizzato per confermare o escludere l' ipertensione endocranica idiopatica secondo i criteri di Friedman rivisti: colloquio semi-strutturato, esame neurologico e neuro-oftalmologico, puntura lombare con pressione di apertura e neuroimaging.

I criteri di esclusione erano ipertensione endocranica idiopatica nota, ipertensione intracranica secondaria, dati mancanti e gravidanza.
La gravità della malattia è stata valutata sulla base di papilledema, campi visivi, pressione di apertura e cefalea nei pazienti con ipertensione endocranica idiopatica senza malattia psichiatrica ( IIH-P ) rispetto ai pazienti con ipertensione endocranica idiopatica con malattia psichiatrica ( IIH+P ).
Un neuro-oftalmologo in cieco ha valutato gli esiti visivi.

Dai report nazionali sono stati ottenuti i tassi di prevalenza delle malattie psichiatriche nella popolazione generale corrispondente per età e sesso.

In totale 258 pazienti sono stati sottoposti a screening; 69 sono stati esclusi. In totale 189 pazienti con ipertensione endocranica idiopatica clinicamente sospetta sono stati quindi valutati con l'iter diagnostico e l'ipertensione endocranica idiopatica è stata confermata in 111 pazienti ( 58.7% ).

In totale il 45% dei pazienti con ipertensione endocranica idiopatica aveva una comorbilità psichiatrica.
I campi visivi erano peggiori nei pazienti con IIH+P al basale ( -8.0 vs -6.0 dB; P=0.04 ) e dopo 6 mesi ( -5.5 vs -4.0 dB; P minore di 0.01 ) rispetto a IIH−P.

I disturbi psichiatrici altamente prevalenti erano: il disturbo depressivo maggiore ( 24.3%; n=27 ), i disturbi legati all'ansia o allo stress ( 24.3%; n=27 ) e il disturbo di personalità emotivamente instabile ( 6.3%; n=7 ).
L'abuso di sostanze ( 1.8% ), la schizofrenia ( 0.9% ) e il disturbo bipolare ( 0.9% ) erano rari.

Nella popolazione generale, le stime di prevalenza del disturbo depressivo maggiore e del disturbo di personalità emotivamente instabile sono state rispettivamente dell'1.8-3.3% e del 2%.

I campi visivi sono risultati significativamente peggiori al basale e a 6 mesi in IIH+P rispetto a IIH-P.
Le comorbilità psichiatriche, in particolare la depressione e il disturbo di personalità emotivamente instabile, erano altamente prevalenti nell'ipertensione endocranica idiopatica.
Una maggiore consapevolezza della malattia psichiatrica come indicatore di un peggiore stato visivo può migliorare la cura del paziente. ( Xagena2022 )

Korsbæk JJ et al, Neurology 2022; 99: e199-e208

Neuro2022 Psyche2022



Indietro