Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Clozapina, un antipsicotico, associato a rischio di tumori ematologici


Un nuovo studio ha evidenziato che il trattamento a lungo termine con Clozapina ( Clozaril, Leponex ) è associato a un piccolo, ma significativo, rischio di neoplasie ematologiche negli individui con schizofrenia.

Gli investigatori hanno scoperto che l'uso a lungo termine di Clozapina per più di 5 anni era collegato a un rischio aumentato di 2.7 volte di neoplasie ematologiche in modo dose-dipendente rispetto ad altri antipsicotici.

La Clozapina è più efficace di altri antipsicotici per la gestione dei sintomi e del comportamento suicidario nella schizofrenia, con la mortalità più bassa rispetto ad altri antipsicotici, ma il suo uso è limitato in molti Paesi.

Segnalazioni di 9 decessi associati all'uso di Clozapina ( 8 a causa di agranulocitosi e 1 a causa di leucemia ) nel sud-ovest della Finlandia nel 1975 hanno portato al ritiro mondiale del farmaco.
Nel 1990, la Clozapina è stata rilanciata con disposizioni per un rigoroso controllo dell'emocromo.
L'incidenza cumulativa di agranulocitosi indotta da Clozapina o grave neutropenia è stimata in circa lo 0.9%.

Diversi piccoli studi in Australia, Danimarca e Stati Uniti e un ampio studio di farmacovigilanza hanno indicato che il trattamento con Clozapina potrebbe essere associato a un aumentato rischio di neoplasie ematologiche.

Studi precedenti avevano suggerito un possibile rischio di neoplasie ematologiche associate alla Clozapina, ma a causa di problemi metodologici, la questione era rimasta irrisolta.

La Finlandia ha tra i più alti tassi di consumo di Clozapina al mondo, dove il 20% dei casi di schizofrenia viene trattato con il farmaco.
Nella maggior parte degli altri Paesi l'uso di Clozapina è meno della metà di quello finlandese, principalmente a causa di problemi di agranulocitosi.

Per esaminare il rischio di neoplasie ematologiche associate all'uso a lungo termine di Clozapina e altri antipsicotici, è stato condotto un ampio studio prospettico caso-controllo e di coorte che ha utilizzato i dati dei registri nazionali finlandesi e ha incluso tutti i pazienti con schizofrenia.

Lo studio caso-controllo nidificato è stato costruito confrontando individualmente casi di tumore maligno del tessuto linfoide ed ematopoietico e accoppiandoli con un massimo di 10 controlli abbinati con schizofrenia ma senza cancro.
Sono stati coinvolti 516 pazienti con una prima diagnosi di tumore maligno del tessuto linfoide ed ematopoietico nel periodo 2000-2017, e diagnosticata dopo la prima diagnosi di schizofrenia.
Di questi, 102 pazienti sono stati esclusi a causa di una diagnosi senza base istologica, 5 sono stati esclusi a causa dell'età e 34 per un precedente tumore maligno, risultando in 375 pazienti con tumori maligni abbinati a 10 controlli per un totale di 3743 partecipanti allo studio.

Nel periodo esaminato, dei 375 pazienti con neoplasie ematologiche ( 305 avevano linfoma, 42 leucemia, 22 mieloma, 6 non-specificato ); 208 ( 55% ) erano uomini e 167 ( 45% ) erano donne.

Rispetto al non-uso di Clozapina, l'impiego di Clozapina è risultato associato a un aumento delle probabilità di neoplasie ematologiche in modo dose-risposta ( odds ratio aggiustato, aOR=3.35; IC 95%, 2.22 – 5.05 ] ( P inferiore a 0.0001 ).

L'esposizione ad altri farmaci antipsicotici non è risultata associata ad aumento delle probabilità di neoplasie ematologiche.
Un'analisi complementare ha mostrato che l'aumento del rischio correlato alla Clozapina era specifico solo per le neoplasie ematologiche.

In 17 anni di follow-up della coorte di base, si sono verificati 37 decessi dovuti a neoplasie ematologiche tra i pazienti esposti a Clozapina in 26 pazienti con uso in corso al momento in cui è stata diagnosticata la neoplasia e in 11 pazienti che non stavano assumendo Clozapina nel momento esatto della diagnosi di cancro.
Solo 3 decessi si sono verificati a causa di agranulocitosi.

Questi risultati hanno indicato che i pazienti che assumono Clozapina e i loro caregiver devono essere informati sul possibile sviluppo di neoplasie ematologiche.
Inoltre, i medici devono essere vigili nel monitoraggio dei potenziali segni e sintomi di neoplasie ematologiche nei pazienti che assumono l'antipsicotico Clozapina. ( Xagena2022 )

Fonte: Lancet Psychiatry, 2022

Psyche2022 Emo2022 Farma2022


Indietro