WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Un farmaco non-legante il recettore D2 per il trattamento della schizofrenia


Un composto orale, SEP-363856, che non agisce sui recettori dopaminergici D2 ma ha attività agonista in corrispondenza dei recettori associati alle amine traccia di tipo 1 ( TAAR1 ) e 5-idrossitriptamina di tipo 1A ( 5-HT 1A ), può rappresentare una nuova classe di agente psicotropo per il trattamento della psicosi nella schizofrenia.

È stato condotto uno studio randomizzato e controllato per valutare l'efficacia e la sicurezza di SEP-363856 negli adulti con esacerbazione acuta della schizofrenia.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un trattamento una volta al giorno con SEP-363856 ( 50 mg o 75 mg ) oppure placebo per 4 settimane.

L'endpoint primario era la variazione dal basale del punteggio totale alla scala PANSS ( Positive and Negative Symptom Scale ); intervallo, da 30 a 210; i punteggi più alti ad indicare sintomi psicotici più gravi ) alla settimana 4.
Vi erano otto endpoint secondari, tra cui le variazioni rispetto al basale nei punteggi della scala CGI-S ( Clinical Global Impressions Severity ) e BNSS ( Brief Negative Symptom Scale ).

In totale 120 pazienti sono stati assegnati al gruppo SEP-363856 e 125 al gruppo placebo. Il punteggio medio totale su PANSS al basale è stato di 101.4 nel gruppo SEP-363856 e 99.7 nel gruppo placebo, e la variazione media alla settimana 4 è stata rispettivamente di -17.2 punti e -9.7 punti ( differenza media dei minimi quadrati, -7.5 punti; P=0.001 ).

Le riduzioni dei punteggi CGI-S e BNSS alla settimana 4 sono andate generalmente nella stessa direzione di quelle per l'esito primario, ma i risultati non sono stati aggiustati per confronti multipli.

Gli eventi avversi con SEP-363856 hanno incluso sonnolenza e sintomi gastrointestinali; una morte cardiaca improvvisa si è verificata nel gruppo SEP-363856.
L'incidenza di sintomi extrapiramidali e cambiamenti nei livelli di lipidi, emoglobina glicata e prolattina sono stati simili nei gruppi di studio.

In questo studio di 4 settimane che ha coinvolto pazienti con esacerbazione acuta della schizofrenia, SEP-363856, un farmaco antipsicotico non-legante il recettore D2, ha determinato una riduzione maggiore rispetto al basale del punteggio totale alla scala PANSS rispetto al placebo.

Sono necessari studi più lunghi e più ampi per confermare gli effetti e gli effetti collaterali di SEP-363856, nonché la sua efficacia rispetto ai trattamenti farmacologici esistenti per i pazienti con schizofrenia. ( Xagena2020 )

Koblan KS et al, N Engl J Med 2020; 382: 1497-1506

Psyche2020 Farma2020


Indietro