WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
GL Pharma
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017

Trattamento di mantenimento con Quetiapina versus interruzione dopo un anno di trattamento nei pazienti con primo episodio di psicosi in remissione


É stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, placebo-controllato e della durata di 12 mesi per valutare i tassi di ricaduta nei pazienti in remissione con primo episodio di psicosi che hanno continuato o interrotto i farmaci antipsicotici dopo un anno di terapia di mantenimento.

Sono stati arruolati nello studio 178 pazienti con primo episodio di psicosi che avevano ricevuto almeno 1 anno di trattamento con farmaci anti-psicotici nel periodo 2003-2006 e che non mostravano sintomi positivi di psicosi.

I pazienti hanno ricevuto trattamento di mantenimento con Quetiapina ( Seroquel ) ( 400 mg/giorno ) oppure placebo e sono stati seguiti fino ai successivi 12 mesi o fino alla manifestazione di recidiva.

La principale misura di esito era la recidiva valutata a cadenza mensile e definita come nuova insorgenza di sintomi psicotici ( delusioni, disorganizzazione concettuale, allucinazioni, sospetto e pensieri non-usuali ).

I 178 pazienti sono stati randomizzati ( 89 a Quetiapina e 89 a placebo ).

La stima di Kaplan-Meier del rischio di recidiva a 12 mesi è stata pari al 41% per il gruppo Quetiapina e 79% per il gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

Benché la Quetiapina sia risultata generalmente ben tollerata, il tasso di interruzione correlato a eventi avversi o eventi avversi gravi è risultato più alto nel gruppo Quetiapina ( 18%; 16/89 ) che in quello placebo ( 8%; 7/89 ) ( rischio relativo, RR=2.29, chi(2)=3.20; P=0.07 ).

In conclusione, in un gruppo di pazienti asintomatici con primo episodio di psicosi e ad almeno 1 anno dal precedente trattamento farmacologico antipsicotico, il trattamento di mantenimento con Quetiapina rispetto a placebo ha portato a un tasso sostanzialmente più basso di recidiva durante l'anno successivo. ( Xagena2010 )

Chen EY et al, BMJ 2010; 341: c4024


Psyche2010 Farma2010


Indietro