Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Terapia psicodinamica focale, terapia cognitivo-comportamentale e trattamento ottimizzato come di consueto nelle pazienti ambulatoriali con anoressia nervosa: studio ANTOP


L'anoressia nervosa è una grave malattia che porta a una notevole morbilità e mortalità.
Lo studio Anorexia Nervosa Treatment of Outpatients ( ANTOP ) è il più grande studio randomizzato controllato a livello globale che utilizza la psicoterapia nei pazienti ambulatoriali con anoressia nervosa.

Sono stati riportati i risultati del follow-up a 5 anni.

ANTOP è uno studio randomizzato e controllato, multicentrico, in aperto, che ha coinvolto 242 donne adulte con anoressia nervosa.
Le partecipanti sono state reclutate da 10 ospedali universitari in Germania, dovevano avere un'età minima di 18 anni ed essere di sesso femminile e avere una diagnosi di anoressia nervosa con un indice di massa corporea ( BMI ) di 15.0-18.5 kg/m2.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a 10 mesi di trattamento con terapia psicodinamica focale, terapia cognitivo-comportamentale potenziata o trattamento ottimizzato come di consueto.
La durata media del follow-up è stata di 5.96 anni dopo la randomizzazione.

L'esito primario era il cambiamento dell'indice BMI rispetto al basale alla fine del trattamento.

E' stato presentato il cambiamento dell'indice BMI dal basale al follow-up a 5 anni, utilizzando un approccio intention-to-treat ( ITT ) con un modello misto per misurazioni ripetute.

I gruppi sono stati anche confrontati in base all'esito globale ( basato sulla combinazione di indice BMI e misure di gravità dell'anoressia ), patologia alimentare ( basato sull’Eating Disorder Inventory 2 ) e altri esiti secondari di salute mentale.
Sono stati identificati i predittori di indice BMI al follow-up.

Tra il 2007 e il 2009, sono state esaminate 727 pazienti per l'idoneità; al basale, 242 pazienti con un indice BMI medio di 16.7 kg/m2 sono state incluse e assegnate in modo casuale a 10 mesi di trattamento con terapia psicodinamica focale, terapia cognitivo comportamentale potenziata o trattamento ottimizzato come di consueto.

In tutto 154 su 242 ( 64% ) pazienti hanno completato la valutazione di follow-up a 5 anni ( 53 su 80, 66%, nel gruppo di terapia psicodinamica focale, 55 su 80, 69%, nel gruppo di terapia cognitivo-comportamentale potenziata e 46 su 82, 56%, nel gruppo di trattamento ottimizzato come di consueto ), con un'età media di 32.4 anni; tutte hanno definito la loro etnia come bianca.

Al follow-up a 5 anni, c'è stato un miglioramento dell'indice BMI medio, della patologia alimentare e dell'esito globale in tutti i gruppi di trattamento senza differenze significative tra i gruppi di trattamento.

L'indice BMI medio stimato è stato: 18.64 kg/m2 nel gruppo di terapia psicodinamica focale ( con un aumento medio dell'indice BMI stimato dal basale al follow-up a 5 anni di 1.91 kg/m2 ); 18.70 kg/m2 nel gruppo di terapia cognitivo-comportamentale potenziata ( con un guadagno medio di BMI stimato di 1.98 kg/m2 ); e 18.99 kg/m2 nel gruppo con trattamento ottimizzato come di consueto ( con un guadagno medio di BMI stimato di 2.26 kg/m2 ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi di trattamento per quanto riguarda l'indice BMI al follow-up a 5 anni; la differenza stimata è stata -0.06 tra i gruppi di terapia psicodinamica focale e terapia cognitivo-comportamentale potenziata; -0.35 tra i gruppi di terapia psicodinamica focale e di trattamento ottimizzato come di consueto; e -0.29 tra i gruppi di terapia cognitivo-comportamentale potenziata e di trattamento ottimizzato come di consueto.

Sulla base dei dati osservati, l'esito globale al follow-up a 5 anni ha mostrato il 41% di recuperi completi, il 41% di recuperi parziali e il 18% con sindrome completa da anoressia nervosa.

Una paziente inizialmente trattata nel gruppo della terapia cognitivo comportamentale è morta per suicidio tra 1 e 5 anni di follow-up.

L'indice BMI al follow-up a 5 anni è stato previsto dall'indice BMI al basale ( P=0.0021 ), dalla durata della malattia ( P=0.0004 ) e dalla depressione al basale ( P=0.012 ).

I risultati a lungo termine dello studio ANTOP hanno confermato il miglioramento dell'indice BMI delle pazienti con anoressia nervosa in tutti i gruppi; tuttavia, una percentuale sostanziale di pazienti ha avuto un esito globale sfavorevole.

I predittori del decorso a lungo termine dell'anoressia nervosa nello studio ANTOP hanno mostrato che si devono trattare i pazienti con anoressia nervosa in una fase precoce della malattia, con una chiara focalizzazione sull'aumento di peso e considerando altre comorbilità, soprattutto la depressione. ( Xagena2022 )

Herzog W et al, Lancet Psychiatry 2022; 9: 280-290

Psyche2022



Indietro