WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Terapia elettroconvulsivante e rischio di demenza in pazienti con disturbi affettivi


La terapia elettroconvulsivante ( TEC ) è il trattamento più efficace per gravi episodi di disturbi dell'umore.
La perdita temporanea di memoria è un effetto collaterale comune, ma esistono discussioni in corso riguardo a potenziali esiti cognitivi negativi a lungo termine.

Solo pochi studi hanno esaminato la frequenza della demenza nei pazienti dopo terapia elettroconvulsivante. Lo scopo di questo studio è stato quello di esaminare l'associazione tra terapia elettroconvulsivante e rischio di demenza successiva in pazienti con prima diagnosi ospedaliera di disturbo affettivo.

È stato condotto uno studio di coorte su pazienti di età pari o superiore a 10 anni in Danimarca con un primo contatto ospedaliero per un disturbo affettivo dal 2005 al 2015, identificati nel Danish National Patient Registry.

Dal Registro sono state recuperate informazioni su tutte le terapie elettroconvulsivanti registrate e i pazienti seguiti per demenza incidente ( definita da diagnosi di dimissione ospedaliera o uso di inibitore dell'acetilcolinesterasi ) fino al 2016.
È stata esaminata l'associazione tra terapia elettroconvulsivante con molteplici aggiustamenti e abbinamento per punteggio di propensione su variabili sociodemografiche e cliniche.

Dei 168.015 pazienti inclusi nello studio, 5.901 ( 3.5% ) pazienti avevano subito almeno una terapia elettroconvulsivante.

Durante il follow-up mediano di 4.9 anni e 872.874 anni-persona, il numero di pazienti che hanno sviluppato demenza è stato di 111 su 99.045 ( 0.1% ) pazienti di età compresa tra 10 e 49 anni, 965 di su 35.945 ( 2.7% ) di età compresa tra 50 e 69 anni e 4.128 su 33.025 ( 12.5% ) di età compresa tra 70 e 108 anni.

217 dei 5.901 ( 3.6% ) pazienti trattati con terapia elettroconvulsivante hanno sviluppato demenza, mentre su 162.114 pazienti non-trattati con terapia elettroconvulsivante, 4.987 ( 3.1% ) hanno sviluppato demenza.

Le incidenze corrispondenti erano 70.4 casi per 10.000 anni-persona e 59.2 per 10.000 anni-persona.

Nei pazienti di età inferiore a 50 anni e di 50-69 anni, la terapia elettroconvulsivante non è stata associata a un rischio di demenza rispetto ai pazienti di età corrispondente a cui non era stata somministrata terapia elettroconvulsivante ( hazard ratio aggiustato per età, aHR=1.51, P=0.32; e aHR=1.15, P=0.22, rispettivamente ).

Nei pazienti di età pari o superiore a 70 anni, la terapia elettroconvulsivante è stata associata a una diminuzione del tasso di demenza ( 0.68, P minore di 0.0001 ), ma nel campione abbinato per punteggio di propensione l'hazard ratio era attenuato ( 0.77, P=0.062 ).

31.754 pazienti ( 17.6% ) sono deceduti durante il follow-up ( tasso di mortalità per 1.000 anni-persona 35.7 ) e analisi supplementari hanno suggerito che il rischio di demenza, prendendo in considerazione il rischio di mortalità, non era significativamente associato con la terapia elettroconvulsivante ( HR di sottodistribuzione 0.98, P=0.24 ).

La terapia elettroconvulsivante non è risultata associata a rischio di demenza incidente in pazienti con disturbi affettivi dopo aver corretto per il potenziale effetto della selezione del paziente o della mortalità in competizione.
I risultati di questo studio supportano l'uso continuo della terapia elettroconvulsivante nei pazienti con gravi episodi di disturbi dell'umore, compresi quelli anziani. ( Xagena2018 )

Osler M et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 348-356

Psyche2018 Neuro2018



Indietro