EPA 2017
Xagena Mappa
American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

Strategie neurolettiche per l'agitazione terminale nei pazienti con tumore e delirio presso un'Unità di cure palliative acute


Il ruolo dei neurolettici per il delirio agitato terminale è controverso. È stato valutato l'effetto di tre strategie neurolettiche sull'agitazione refrattaria in pazienti con tumore con delirio terminale.

In uno studio randomizzato condotto in un singolo Centro, in doppio cieco, a gruppi paralleli, pazienti con tumore avanzato, di almeno 18 anni, ricoverati presso l'Unità di cure palliative e di supporto presso lo University of Texas MD Anderson Cancer Center ( Houston, TX, USA ), con agitazione refrattaria nonostante Aloperidolo a basso dosaggio, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un aumento della dose di Aloperidolo per via endovenosa a 2 mg ogni 4 ore, rotazione neurolettica con Clorpromazina a 25 mg ogni 4 ore, o Aloperidolo combinato a 1 mg e Clorpromazina a 12.5 mg ogni 4 ore, fino alla morte o alla dimissione.

Dosi di salvataggio identiche alle dosi programmate sono state somministrate all'insorgenza, e poi ogni ora secondo necessità.
È stata eseguita la randomizzazione stratificando in base ai punteggi della scala RASS ( Richmond Agitation Sedation Scale ) al basale.

L'esito primario era la variazione del punteggio RASS da 0 a 24 ore.
I confronti tra i gruppi sono stati effettuati mediante analisi intention-to-treat ( ITT ) modificata.

Nel periodo 2017-2019, 998 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'eleggibilità, con 68 arruolati e assegnati in modo casuale al trattamento; 45 hanno ricevuto gli interventi di studio in cieco ( escalation n=15, rotazione n=16, combinazione n=14 ).

Il punteggio RASS è diminuito significativamente entro 30 minuti ed è rimasto basso a 24 ore nel gruppo di escalation ( n=10, variazione media del punteggio RASS tra 0 ore e 24 ore −3.6 ), nel gruppo di rotazione ( n=11, −3.3 ) e nel gruppo di combinazione ( n=10, −3.0 ), senza differenze tra i gruppi ( P=0.71 ).

La tossicità grave più comune è stata l'ipotensione ( escalation n=6, 40%, rotazione n=5, 31%, combinazione n=3, 21% ); non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

I dati hanno fornito la prova preliminare che le tre strategie di neurolettici potrebbero ridurre l'agitazione nei pazienti con agitazione terminale.
Questi risultati sono stati raggiunti in un contesto di singolo Centro, con piccole dimensioni del campione e mancanza di un gruppo con solo placebo. ( Xagena2020 )

Hui D et al, Lancet Oncology 2020; 21: 989-998

Psyche2020 Onco2020 Farma2020


Indietro