American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
Xagena Mappa

Stimolazione cerebrale profonda del cingolato subcalloso per il trattamento della anoressia nervosa


La anoressia nervosa è caratterizzata da un decorso cronico refrattario al trattamento in molti pazienti e ha uno dei più elevati tassi di mortalità tra le malattie psichiatriche.

La stimolazione cerebrale profonda è stata applicata a malattie neuropsichiatriche basate su circuiti cerebrali, come la malattia di Parkinson e la depressione maggiore, con risultati promettenti.

È stato condotto uno studio per valutare la sicurezza della stimolazione cerebrale profonda utilizzata per modulare l’attività dei circuiti limbici e per esaminare quanto questa potrebbe influenzare le caratteristiche cliniche dell’anoressia nervosa.

È stato condotto uno studio prospettico di fase 1 della stimolazione cerebrale profonda del cingolato subcalloso in 6 pazienti con anoressia nervosa cronica, grave e refrattaria al trattamento.

I pazienti eleggibili avevano un’età compresa tra 20 e 60 anni, avevano ricevuto una diagnosi di anoressia nervosa e mostravano segni di cronicità o resistenza al trattamento.

I pazienti sono stati sottoposti a ottimizzazione medica pre-operatoria e misurazione basale dell’indice di massa corporea ( BMI ), delle misure psicometriche e a esami di neuroimaging, seguiti da impianto di elettrodi e generatori di impulsi per la somministrazione continua di stimoli elettrici.

I pazienti sono stati seguiti per un periodo fino a 9 mesi dopo l’attivazione della stimolazione cerebrale profonda e l’esito primario di eventi avversi associati a chirurgia o stimolazione è stato monitorato ad ogni visita di follow-up.

Inoltre le valutazioni psicometriche, le misurazioni dell’indice BMI e di neuroimaging sono state ripetute in diversi momenti.

La stimolazione cerebrale profonda è risultata associata a molti eventi avversi, solo 1 dei quali ( crisi durante la programmazione, circa 2 settimane dopo la chirurgia ) grave.

Altri eventi avversi collegati sono stati attacchi di panico dopo la chirurgia, nausea, emboli gassosi e dolore.

Dopo 9 mesi, 3 dei 6 pazienti hanno raggiunto e mantenuto un indice BMI superiore a quello del loro basale storico.

La stimolazione cerebrale profonda è risultata associata a miglioramenti di umore, ansia, regolazione affettiva e ossessioni e compulsioni legate all’anoressia nervosa in 4 pazienti e con miglioramenti nella qualità di vita in 3 pazienti dopo 6 mesi di stimolazione.

Questi benefici clinici sono stati accompagnati da cambiamenti nel metabolismo del glucosio cerebrale ( osservati in un confronto composito di scansioni PET al basale e a 6 mesi ) in linea con una reversione delle anomalie osservate in cingolato anteriore, insula e lobo parietale nel disturbo.

In conclusione, la stimolazione cerebrale profonda del cingolato subcalloso sembra essere generalmente sicure in questo gruppo di pazienti con anoressia nervosa cronica e refrattaria al trattamento. ( Xagena2013 )

Lipsman N et al, Lancet 2013; 381: 1361-1370

Psyche2013 Neuro2013 Chiru2013



Indietro