American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
Xagena Mappa

Rischio a lungo termine di demenza tra le persone con lesioni cerebrali traumatiche


La lesione cerebrale traumatica è stata associata a un aumentato rischio di demenza; tuttavia, gli studi su larga scala con un lungo follow-up sono pochi.
È stata studiata l'associazione tra danno cerebrale traumatico, compresa la gravità e il numero di lesione cerebrale traumatica, e il conseguente rischio a lungo termine di demenza.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale su base nazionale basato sulla popolazione in Danimarca, utilizzando informazioni sui cittadini dei registri nazionali.
È stata stabilita una coorte basata sulla popolazione composta da tutte le persone nate in Danimarca che vivevano nel Paese il giorno 1 gennaio 1995 e che avevano almeno 50 anni in un certo momento durante il follow-up nel periodo 1999-2013.

Sono state ottenute informazioni sulle lesioni cerebrali traumatiche dal Registro nazionale dei pazienti ( NPR ) danese e sono state ottenute informazioni sulla demenza combinando i dati nel Registro nazionale delle malattie psichiatriche, nel Registro centrale psichiatrico danese e nel Registro nazionale delle prescrizioni danese ( DNPR ).

Il rischio a lungo termine di demenza dopo lesioni cerebrali traumatiche è stato stabilito utilizzando l'analisi di sopravvivenza.
Sono stati utilizzati tre modelli prespecificati per ciascuna delle tre analisi: diversi periodi di tempo dalla lesione cerebrale traumatica, più lesioni cerebrali traumatiche e sesso.

Sono stati utilizzati i dati di una coorte di 2.794.852 persone per un totale di 27.632.020 anni-persona ( media 9.89 anni per paziente ) a rischio di demenza.
132.093 persone ( 4.7% ) hanno avuto almeno una lesione cerebrale traumatica durante il periodo 1977-2013 e 126.734 ( 4.5% ) hanno presentato demenza incidente durante il periodo 1999-2013.

Il rischio completamente aggiustato di demenza per tutte le cause nelle persone con una storia di lesioni cerebrali traumatiche è stato più alto ( hazard ratio, HR=1.24 ) rispetto a quelle senza una storia di lesioni cerebrali traumatiche, come è stato il rischio specifico di malattia di Alzheimer ( HR=1.16 ).

Il rischio di demenza è stato più alto nei primi 6 mesi dopo lesioni cerebrali traumatiche ( HR=4.06 ) ed è aumentato con un numero crescente di eventi ( HR=1.22 con una lesione cerebrale traumatica e fino a 2.83 con 5 o più lesioni cerebrali traumatiche ).

Inoltre, la lesione cerebrale traumatica è stata associata a un più alto rischio di demenza ( HR=1.29 ) nelle persone con lesioni cerebrali traumatiche rispetto agli individui con una frattura non- lesione cerebrale traumatica che non coinvolgeva il cranio o la colonna vertebrale.

Più la persona era giovane quando aveva un trauma cranico, più alti sono stati gli hazard ratio per la demenza quando si è stratificato in base al tempo trascorso dalla lesione cerebrale traumatica.

La lesione cerebrale traumatica è stata associata a un aumentato rischio di demenza sia rispetto a persone senza una storia di trauma cranico, sia rispetto a persone con trauma non-lesione cerebrale traumatica. 
Sono necessari maggiori sforzi per prevenire la lesione cerebrale traumatica e identificare strategie per migliorare il rischio e l'impatto di demenza successiva. ( Xagena2018 )

Fann JR et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 424-431

Psyche2018 Neuro2018



Indietro