EPA 2017
Xagena Mappa
American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

Predittori di eventi avversi suicidali durante trattamento della depressione resistente agli SSRI negli adolescenti


L’obiettivo di uno studio multicentrico è stato quello di identificare i predittori di eventi avversi auto-indotti in adolescenti depressi e resistenti alla terapia durante le prime 12 settimane di trattamento.

In tutto, 334 adolescenti affetti da depressione, che non avevano risposto a un precedente studio con un antidepressivo SSRI ( inibitore selettivo del riassorbimento della serotonina ) sono stati randomizzati a ricevere un altro SSRI o Venlafaxina ( Efexor ), con o senza terapia cognitivo-comportamentale.

Gli eventi lesivi auto-indotti, ad esempio danni auto-inflitti suicidali o non-suicidali, sono stati valutati con report spontanei per i primi 181 partecipanti e con valutazioni settimanali sistematiche per i rimanenti 153.

Con il monitoraggio sistematico sono stati individuati tassi superiori di danni auto-inflitti suicidali ( 20.8% versus 8.8% ) e non-suicidali ( 17.6% vs 2.2% ), ma non di eventi avversi gravi ( 8.4% vs 7.3% ).

Il tempo medio prima di un evento suicidale è stato di 3 settimane, ed è risultato predetto da forti intenzioni suicidali al basale, conflitti familiari, uso di droghe e alcol.

Il tempo mediano per i danni auto-inflitti non-suicidali è stato di 2 settimane, e una precedente storia di danni di questo tipo è risultato essere fattore predittivo.

Dal momento che non si rilevavano particolari effetti del trattamento, la Venlafaxina è stata associata a un più alto tasso di eventi avversi auto-inflitti nei pazienti con idee suicidarie più accentuate.

L’uso aggiuntivo di benzodiazepine, seppur in un numero ridotto di partecipanti ( n=10 ), è risultato associato a tassi più elevati di eventi avversi auto-inflitti sia suicidali, sia non-suicidali.

In conclusione, dal momento che i predittori di eventi avversi suicidali sono anche in grado di predire una scarsa risposta al trattamento, e molti di questi eventi si manifestano precocemente durante il trattamento, lo studio ha evidenziato che migliorare la velocità di risposta alla depressione, in base ai conflitti familiari, idee suicidarie e uso di droghe, potrebbe aiutare a ridurne l’incidenza.
La relazione tra Venlafaxina, benzodiazepine ed eventi avversi auto-indotti richiede ulteriori studi e cautela clinica. ( Xagena2009 )

Brent DA et al, Am J Psychiatry 2009; 166: 418-426


Psyche2009 Farma2009


Indietro