Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Performance di guida e percezione della sicurezza da parte dei consumatori di Cannabis


L'espansione della medicalizzazione e della legalizzazione della Cannabis aumenta l'urgenza di comprendere i fattori associati alla disabilità acuta alla guida.

Si è determinato, in un ampio campione di consumatori regolari di Cannabis, l'entità e l'andamento temporale della disabilità alla guida prodotta dalla Cannabis fumata con diverso contenuto di delta-9-Tetraidrocannabinolo ( THC ), gli effetti della storia d'uso e la concordanza tra menomazione percepita e prestazioni osservate.

Uno studio clinico randomizzato parallelo in doppio cieco, controllato con placebo, è stato condotto dal 2017 al 2019 presso il Center for Medicinal Cannabis Research, University of California San Diego ( UCSD ).
I consumatori di Cannabis sono stati reclutati per questo studio e l'analisi è avvenuta tra il 2020 e il 2021.

I pazienti hanno avuto a disposizione placebo o Cannabis contenente THC 5.9% o 13.4% fumata ad libitum.

L'endpoint primario era il punteggio CDS ( Composite Drive Score ), che comprendeva variabili chiave del simulatore di guida, valutate prima di fumare e in più momenti successivi al fumo.
Ulteriori misure includevano auto-percezioni di problemi di guida e storia di consumo di Cannabis.

Su 191 consumatori di Cannabis, 118 ( 61.8% ) erano maschi, l'età media era di 29.9 anni e la media di giorni di utilizzo nell'ultimo mese era di 16.7.
I partecipanti sono stati randomizzati al gruppo placebo ( 63, 33.0% ), THC 5.9% ( 66, 34.6% ) e THC 13.4% ( 62, 32.5% ).

Rispetto al placebo, il gruppo THC ha avuto un calo significativo nel punteggio CDS a 30 minuti ( Cohen d=0.59; P minore di 0.001 ) e 1 ora e 30 minuti ( Cohen d=0.55; P minore di 0.001 ), con differenze borderline a 3 ore e 30 minuti ( Cohen d=0.29; P=0.07 ) e nessuna differenza a 4 ore e 30 minuti ( Cohen d=-0.03; P=0.87 ).

Il punteggio CDS non è variato in base al contenuto di THC ( rapporto di probabilità X2 4=3.83; P=0.43 ) o all'intensità dell'uso ( quantità x frequenza ) negli ultimi 6 mesi ( rapporto di probabilità X2 4=1.41; P=0.49 ), nonostante le concentrazioni di THC nel sangue post-fumo fossero più elevate negli individui con la più alta intensità d'uso.

Sebbene ci fosse esitazione a guidare subito dopo il fumo, un numero crescente di partecipanti ( 81, 68.6% ) ha riferito di essere pronto a guidare a 1 ora e 30 minuti, nonostante le prestazioni non migliorassero dai livelli iniziali post-fumo.

Il fumo di Cannabis ad libitum da parte di consumatori abituali ha provocato decrementi nella guida simulata.
Tuttavia, quando utenti esperti controllano la propria assunzione, non è possibile dedurre problemi di guida in base al contenuto di THC della sigaretta, alla tolleranza comportamentale o alle concentrazioni di THC nel sangue.

La crescente disponibilità dei partecipanti a guidare a 1 ora e 30 minuti può indicare un falso senso di sicurezza alla guida.
Il peggioramento delle prestazioni di guida è evidente per diverse ore dopo il fumo in molti utilizzatori, ma sembra risolversi entro 4 ore e 30 minuti nella maggior parte dei soggetti.
Sono necessarie ulteriori ricerche sull'impatto delle differenze biologiche individuali, sulla storia del consumo di Cannabis e sui metodi di somministrazione sulle prestazioni di guida. ( Xagena2022 )

Marcotte TD et al, JAMA Psychiatry 2022; 79: 201-209

Psyche2022 Farma2022



Indietro