Disturbo da uso di oppioidi
Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa

Osteoporosi: la terapia con Alendronato associata a depressione, ansia


Rispetto ad altri trattamenti di prima linea per l'osteoporosi, la terapia con Alendronato ( Fosamax ) ha prodotto un aumento del rischio di depressione e ansia, secondo un'analisi delle segnalazioni di eventi avversi.

La terapia con bifosfonati, principalmente Alendronato, è tra i trattamenti più prescritti per l'osteoporosi, una malattia che colpisce più di 10 milioni di statunitensi di età superiore ai 50 anni. Recentemente, case report hanno mostrato che l'Alendronato e altri bifosfonati possono aumentare i sintomi depressivi.

Per valutare queste associazioni, sono state analizzate più di 100.000 segnalazioni di eventi avversi dal sistema di segnalazione FAERS della FDA ( Food and Drug Administration ) e il database globale delle reazioni avverse ai farmaci VigiAccess dell'OMS ( organizzazione Mondiale della Sanità ).

I risultati di interesse includevano la depressione o gli eventi avversi correlati al disturbo depressivo e l'ansia, che sono stati definiti nel registro FAERS seguendo i termini del Medical Dictionary for Regulatory Activities ( MedDRA ).
Le terapie farmacologiche studiate includevano: Alendronato, Zoledronato, Risedronato, Ibandronato, Denosumab e Teriparatide.

In un'analisi di pazienti di età pari o inferiore a 65 anni, l'odds ratio ( OR ) riportato con la terapia con Alendronato è stato pari a 14.67 ( IC 95%, 11.55-18.63 ) per la depressione e 7.1 ( IC 95%, 5.79-8.71 ) per l'ansia.
Tra le altre terapie, solo il Risedronato ha dimostrato un odds ratio elevato, sebbene solo per la depressione e di entità inferiore ( 3.06; IC 95%, 1.7-5.52 ), mentre Zoledronato ( 0.167; IC 95%, 0.074-0.38 ) e Denosumab ( 0.2; IC 95%, 0.1-0.39 ) erano significativamente associati a una diminuzione dell'ansia.

Inoltre, tra i pazienti di età superiore a 65 anni, l'Alendronato è stata l'unica terapia associata a un aumento dell'odds ratio riportato per depressione ( 3.6; IC 95%, 2.82-4.59 ) e ansia ( 2.28; IC 95%, 1.84-2.84 ) rispetto alla Teriparatide, mentre Zoledronato ( 0.32; IC 95%, 0.21-0.5 ), Ibandronato ( 0.26; IC 95%, 0.13-0.52 ) e Denosumab ( 0.26; IC 95%, 0.18-0.36 ) hanno mostrato riduzioni significative dell'odds ratio per l'ansia.

Nell'analisi VigiAccess, i bifosfonati come classe hanno prodotto odds ratio segnalati significativamente più alti per la depressione e l'ansia, con l'Alendronato che ha dimostrato un più alto incremento nella depressione ( 4.33; IC 95%, 4.09-4.58 ) e nell'ansia ( 3.14; IC 95%, 2.97- 3.33 ).

Dallo studio è emerso che l'Alendronato aveva l'associazione più ampia e statisticamente significativa con la depressione e l'ansia tra tutti i bifosfonati.
Questa associazione è stata supportata dall'analisi VigiAccess/OMS.
Sono necessari studi controllati per giudicare la causalità clinica. ( Xagena2022 )

Fonte: Scientific Reports, 2022

Psyche2022 Endo2022 Farma2022


Indietro