WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
GL Pharma
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017

Iperprolattinemia associata al trattamento con antipsicotici nei pazienti con schizofrenia


L’innalzamento dei livelli plasmatici di prolattina ( iperprolattinemia ) rappresenta un comune effetto indesiderato dei farmaci antipsicotici convenzionali e di alcuni atipici.

Nei pazienti con schizofrenia, gli effetti indesiderati dell’iperprolattinemia indotta dagli antipsicotici sulla salute ( es. problemi di fertilità, disfunzione sessuale e ridotta densità minerale ossea ) stanno guadagnando sempre più maggiore attenzione.

Gli antipsicotici convenzionali ed il Risperidone ( Risperdal ) producono aumento dei livelli di prolattina, mentre l’Aripiprazolo ( Abilify ) e la Quetiapina ( Seroquel ) tendono a mostrare più bassa incidenza di effetti indesiderati associati all’iperprolattinemia.

Non esistono, tuttavia, raccomandazioni per il monitoraggio degli aumenti dei livelli di prolattina tra i pazienti trattati con antipsicotici.

Possibili opzioni per l’iperprolattinemia indotta dagli antipsicotici, consistono nella riduzione del dosaggio del farmaco o il passaggio ad un antipsicotico con minore attività sull’aumento della prolattina. ( Xagena2008 )

Montejo AL et al, Eur Neuropsychopharmacol 2008; 18 Suppl 2 : 5108-5114


Psyche2008 Farma2008


Indietro