WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
XagenaNewsletter

Influenze in utero e perinatali sul rischio di suicidio


Condizioni avverse in utero e perinatali potrebbero contribuire ad un aumentato rischio di suicidio per tutta la durata della vita; tuttavia, l'evidenza esistente è scarsa e contraddittoria.
Sono state studiate le esposizioni in utero e perinatali associate al suicidio, al tentativo di suicidio e all'idea suicidaria.

È stata fatta una revisione sistematica e una meta-analisi di studi prospettici basati sulla popolazione che hanno studiato l'associazione tra fattori in utero e perinatali e suicidio, tentativo di suicidio e ideazione di suicidio.
Sono state estratte informazioni formali come Paese, anno, durata del follow-up e numero di casi e non-casi esposti e non-esposti a ciascun fattore di rischio, e sono stati calcolati gli odds ratio ( OR ) aggregati.

Sono stati identificati 42 studi ammissibili; avevano un basso rischio di confondimento ( punteggio di qualità mediano 9/9 ).
Le caratteristiche familiari o dei genitori, come per esempio ordine di nascita elevato ( per esempio, per il quarto nato o nato successivamente versus primogenito, OR aggregato 1.51 ), madri adolescenti ( 1.80 ), madri single ( 1.57 ); gli indici di posizione socioeconomica, come basso livello di istruzione materno ( 1.36 ) e paterno ( 1.38 ); e la crescita fetale ( basso peso alla nascita 1.30 e neonato piccolo per età gestazionale 1.18 ) sono stati associati a un più alto rischio di suicidio.

L'età del padre, la bassa età gestazionale, le caratteristiche ostetriche ( per esempio taglio cesareo ) e le condizioni o l'esposizione durante la gravidanza ( per esempio abitudine al fumo o malattia ipertensiva materne ) non sono state associate a un più alto rischio di suicidio.

Modelli simili di associazioni sono stati osservati per tentativi di suicidio e ideazione suicidaria; tuttavia, questi risultati erano basati su un numero inferiore di studi.

Nella meta-regressione, le differenze nella lunghezza del follow-up hanno spiegato la maggior parte dell'eterogeneità tra gli studi ( I2 iniziale variava da 0 a 79.5 ).

Questi risultati hanno indicato che le caratteristiche prenatali e perinatali sono associate a un aumentato rischio di suicidio durante il corso della vita, supportando l’origine dello sviluppo di ipotesi sulla salute e sulle malattie per il suicidio.
Il basso numero di studi per alcuni fattori di rischio, in particolare per tentativi di suicidio e ideazione, lascia lacune nelle conoscenze che devono essere affrontate.
I meccanismi alla base delle associazioni segnalate e la loro natura causale rimangono ancora non ben definiti. ( Xagena2019 )

Orri M et al, Lancet Psychiatry 2019; 6: 477-492

Psyche2019 Gyne2019



Indietro