Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Identità transgender, tentativi di suicidio e mortalità


Valganciclovir ( Valcyte ) per 200 giorni è la cura standard per la profilassi del citomegalovirus ( CMV ) nei riceventi trapianto di rene sieronegativi per CMV ad alto rischio che ricevono un organo da un donatore sieropositivo per CMV, ma il suo utilizzo è limitato dalla mielosoppressione.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Letermovir ( Prevymis ) con Valganciclovir per la prevenzione della malattia da citomegalovirus in pazienti sottoposti a trapianto di rene sieronegativo per CMV che ricevono un organo da un donatore sieropositivo per CMV.

È stato condotto uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, di non-inferiorità, riguardante pazienti adulti sieronegativi per CMV sottoposti a trapianto di rene che hanno ricevuto un organo da un donatore sieropositivo per CMV in 94 centri partecipanti nel periodo 2018-2021 ( follow-up finale nell’aprile 2022 ).

I partecipanti sono stati randomizzati, stratificando in base al ricevimento di immunosoppressione di induzione con deplezione dei linfociti, a ricevere Letermovir 480 mg per via orale al giorno ( con Aciclovir ) o Valganciclovir 900 mg per via orale al giorno ( aggiustato per la funzionalità renale ) fino a 200 giorni dopo il trapianto, con placebo corrispondente.

L'esito primario era la malattia da citomegalovirus, confermata da un Comitato di valutazione indipendente in cieco, fino alla settimana 52 post-trapianto ( margine di non-inferiorità prespecificato, 10% ).
Gli esiti secondari erano la malattia da citomegalovirus fino alla settimana 28 e il tempo di insorgenza della malattia da citomegalovirus fino alla settimana 52.
Gli esiti esplorativi includevano DNAemia da citomegalovirus quantificabile e resistenza. Il tasso di leucopenia o neutropenia fino alla settimana 28 era un risultato di sicurezza prespecificato.

Tra i 601 partecipanti randomizzati, 589 hanno ricevuto almeno 1 dose del farmaco in studio ( età media 49.6 anni; 422 uomini, 71.6% ).

Letermovir ( n=289 ) si è rivelato non-inferiore a Valganciclovir ( n=297 ) nella prevenzione della malattia da citomegalovirus fino alla settimana 52 ( 10.4% vs 11.8% dei partecipanti con malattia da citomegalovirus confermata; differenza aggiustata per lo strato -1.4% ).

Nessun partecipante che ha ricevuto Letermovir rispetto ai 5 partecipanti ( 1.7% ) che hanno ricevuto Valganciclovir ha sviluppato la malattia da citomegalovirus fino alla settimana 28. Il tempo di insorgenza della malattia da citomegalovirus è stato paragonabile tra i gruppi ( hazard ratio, HR=0.90 ).

DNAmia da citomegalovirus quantificabile è stata rilevata nel 2.1% dei partecipanti nel gruppo Letermovir rispetto all'8.8% nel gruppo Valganciclovir entro la settimana 28.
Dei partecipanti valutati per sospetta malattia da citomegalovirus o DNAmia da citomegalovirus, nessuno ( 0/52 ) di quelli che hanno ricevuto Letermovir e il 12.1% ( 8/66 ) di quelli che hanno ricevuto Valganciclovir ha avuto sostituzioni associate a resistenza.

Il tasso di leucopenia o neutropenia fino alla settimana 28 è stato inferiore con Letermovir rispetto a Valganciclovir ( 26% vs 64%; differenza, -37.9%; P minore di 0.001 ).

Un numero inferiore di partecipanti nel gruppo Letermovir rispetto al gruppo Valganciclovir ha interrotto la profilassi a causa di eventi avversi ( 4.1% vs 13.5% ) o eventi avversi correlati al farmaco ( 2.7% vs 8.8% ).

Tra i pazienti adulti sottoposti a trapianto di rene sieronegativo per CMV che hanno ricevuto un organo da un donatore sieropositivo per CMV, Letermovir si è rivelato non-inferiore a Valganciclovir per la profilassi della malattia da citomegalovirus nell'arco di 52 settimane, con tassi inferiori di leucopenia o neutropenia, supportandone l'uso per questa indicazione. ( Xagena2023 )

Limaye AP et al, JAMA 2023; 330: 33-42

Inf2023 Nefro2023 Farma2023



Indietro