EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Farmaci antipsicotici versus terapia cognitiva comportamentale versus combinazione di entrambi nelle persone con psicosi


E' disponibile poca evidenza riguardo ai confronti testa-a-testa di interventi psicosociali e interventi farmacologici nella psicosi.
Si è cercato di stabilire se uno studio randomizzato controllato di terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ) rispetto ai farmaci antipsicotici versus una combinazione di entrambi sia fattibile in persone con psicosi.

È stato condotto uno studio pilota randomizzato in singolo cieco, condotto su pazienti con psicosi che hanno utilizzato il National Health Service di Greater Manchester, nel Regno Unito.
I partecipanti idonei avevano un'età pari o superiore a 16 anni; avevano soddisfatto i criteri ICD-10 per la schizofrenia, il disturbo schizoaffettivo o il disturbo delirante, o avevano soddisfatto i criteri di ingresso per un intervento precoce per la psicosi; erano in contatto con servizi di salute mentale, sotto la cura di uno psichiatra; avevano totalizzato un punteggio di almeno 4 voci di delirio o allucinazioni, o almeno 5 di sospettosità, persecuzione o elementi di grandiosità narcisistica alla scala PANSS ( Positive and Negative Syndrome Scale ); avevano capacità di consenso; erano in cerca di aiuto.

I partecipanti sono stati assegnati ad antipsicotici, alla terapia cognitivo-comportamentale o agli antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale.
La randomizzazione è avvenuta stratificando per sesso e stato del primo episodio.
La terapia cognitivo-comportamentale ha incorporato fino a 26 sessioni nell'arco di 6 mesi e fino a 4 sessioni di potenziamento.

La scelta e la dose di antipsicotico erano a discrezione del consulente del trattamento.
I partecipanti sono stati seguiti per 1 anno.

L'esito primario era la fattibilità ( cioè dati su reclutamento, mantenimento nello studio e accettabilità ) e l'esito primario di efficacia era il punteggio totale PANSS ( valutato al basale, 6, 12, 24 e 52 settimane ).

Gli effetti collaterali non-neurologici sono stati valutati sistematicamente con la scala ANNSERS ( Antipsychotic Non-neurological Side Effects Rating Scale ).

Dei 138 pazienti dello studio, 75 sono stati reclutati e assegnati in modo casuale: 26 a terapia cognitivo-comportamentale, 24 agli antipsicotici e 25 agli antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale.

L'abbandono è stato basso e il mantenimento nello studio è stato alto, con solo 4 ritiri su tutti i gruppi. 40 su 51 partecipanti ( 78% ) assegnati a terapia cognitivo-comportamentale hanno partecipato a 6 o più sessioni.

Tra i 49 partecipanti randomizzati agli antipsicotici, a 11 ( 22% ) non sono stati prescritti antipsicotici regolari.

La durata mediana del trattamento antipsicotico totale è stata di 44.5 settimane.

Il punteggio totale PANSS è risultato significativamente ridotto nel gruppo di intervento combinato rispetto al gruppo CBT (-5.65; P=0.019).

I punteggi totali PANSS non differivano significativamente tra il gruppo combinato e il gruppo con antipsicotici ( -4.52; P=0.064 ) o tra il gruppo con antipsicotici e il gruppo terapia cognitivo-comportamentale ( -1.13; P=0.637 ).

Significativamente meno effetti collaterali, misurati con la scala ANNSERS, sono stati notati nel gruppo terapia cognitivo-comportamentale, rispetto al gruppo con antipsicotici ( 3.22; P=0.017 ) o antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale ( 3.99; P=0.003 )

Solo un evento avverso grave è stato ritenuto correlato allo studio ( overdose di tre compresse di Paracetamolo nel gruppo terapia cognitivo-comportamentale ).

Uno studio clinico testa-a-testa di terapia cognitivo-comportamentale rispetto agli antipsicotici e rispetto alla combinazione dei due è fattibile e sicuro nelle persone con psicosi al primo episodio. ( Xagena2018 )

Morrison AP et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 411-423

Psyche2018 Farma2018


Indietro