EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
Xagena Mappa

Efficacia della terapia cognitiva preventiva con riduzione degli antidepressivi versus trattamento antidepressivo di mantenimento versus loro combinazione nella prevenzione della recidiva depressiva


Mantenere gli individui in trattamento con antidepressivi dopo la remissione o il recupero dal disturbo depressivo maggiore è una strategia comune per prevenire ricadute o recidive.
La terapia cognitiva preventiva ( PCT ) è stata proposta come alternativa al trattamento con antidepressivi di mantenimento, ma non è chiaro se la sua aggiunta consenta la riduzione graduale degli antidepressivi o il miglioramento dell'efficacia del trattamento antidepressivo di mantenimento.

È stata confrontata l'efficacia degli antidepressivi da soli, con la terapia cognitiva preventiva riducendo gradualmente gli antidepressivi, o la terapia cognitiva preventiva aggiunta agli antidepressivi nella prevenzione delle ricadute e delle recidive in uno studio clinico in singolo cieco, multicentrico, a tre gruppi, randomizzato.

I pazienti reclutati da medici generici, farmacisti, professionisti nelle cure mentali secondarie sono stati assegnati casualmente a terapia cognitiva preventiva e antidepressivi, solo antidepressivi o terapia cognitiva preventiva con riduzione degli antidepressivi, stratificando per il numero di precedenti episodi depressivi e il tipo di assistenza.

I partecipanti eleggibili avevano precedentemente sperimentato almeno due episodi depressivi ed erano in remissione o recupero con antidepressivi, che avevano ricevuto da almeno 6 mesi.
I criteri di esclusione erano mania attuale o ipomania, una storia di disturbo bipolare, qualsiasi storia di psicosi, abuso di alcol o droghe attuali, un disturbo d'ansia che richiedeva un trattamento, un trattamento psicologico più di due volte al mese e una diagnosi di danno cerebrale organico.

L'esito primario era la proporzione correlata al tempo di individui con recidiva depressiva o ricorrenza nella popolazione intention-to-treat, valutata quattro volte in 24 mesi.

Tra il 2009 e il 2015, 2.486 partecipanti sono stati valutati per l'eleggibilità e 289 sono stati assegnati in modo casuale a terapia cognitiva preventiva e antidepressivi ( n=104 ), antidepressivi da soli ( n=100 ) o terapia cognitiva preventiva con riduzione graduale degli antidepressivi ( n=85 ).
Il test log-rank complessivo era significativo ( P=0.014 ).

Gli antidepressivi da soli non erano superiori alla terapia cognitiva preventiva mentre diminuivano gli antidepressivi in ​​termini di rischio di recidiva o ricorrenza ( hazard ratio, HR=0.86, P=0.502 ).
L'aggiunta di terapia cognitiva preventiva al trattamento antidepressivo ha comportato una riduzione del rischio relativo del 41% rispetto agli antidepressivi da soli ( 0.59, P=0.026 ).

Il trattamento antidepressivo di mantenimento non è superiore alla terapia cognitiva preventiva dopo guarigione, mentre l'aggiunta di terapia cognitiva preventiva al trattamento antidepressivo dopo la guarigione è superiore agli antidepressivi da soli.
La terapia cognitiva preventiva dovrebbe essere offerta ai soggetti depressi in modo ricorrente in trattamento con antidepressivi e ai soggetti che desiderano interrompere gli antidepressivi dopo la guarigione. ( Xagena2018 )

Bockting CLH et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 401-410

Psyche2018 Farma2018


Indietro