Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Dose standard versus dose ridotta di antipsicotici per la prevenzione delle recidive nella schizofrenia multi-episodio


La riduzione della dose del trattamento di mantenimento antipsicotico negli individui con schizofrenia potrebbe essere desiderabile per ridurre al minimo gli effetti avversi, ma le prove di questa strategia non sono ben definite.
Sono stati confrontati rischi e benefici di dosi ridotte rispetto a quelle standard di antipsicotici.

Sono stati cercati studi randomizzati in adulti con schizofrenia o disturbo schizoaffettivo della durata di almeno 24 settimane, inclusi individui clinicamente stabili al basale e che hanno confrontato almeno due dosi dello stesso antipsicotico, escludendo gli studi nella psicosi al primo episodio o nella schizofrenia resistente al trattamento.

È stata confrontata la dose bassa ( entro il 50-99% del limite inferiore della dose standard ) e la dose molto bassa ( meno del 50% del limite inferiore ) con la dose standard, definita come dosaggi superiori al limite inferiore della dose di trattamento raccomandata dall'International Consensus Study.

Sono stati estratti indipendentemente dati da rapporti pubblicati su numero di partecipanti, trattamento, sesso, età, numero di eventi, e cambiamenti nei punteggi psicopatologici.

Gli esiti co-primari erano la recidiva e l'interruzione per tutte le cause.

Sono stati inclusi nella meta-analisi 22 studi, che avevano riportato dati su 24 studi e 3.282 individui.
I partecipanti allo studio avevano un'età media di 38 anni con 2.166 maschi ( 65.9% ) e 1.116 femmine ( 34.0% ).

Rispetto alla dose standard, la dose bassa ha aumentato il rischio di recidiva del 44% ( 16 studi, 1.920 partecipanti; RR 1.44; P=0.0076; I2=46% ) e il rischio di interruzione per tutte le cause del 12% ( 16 studi, 1.932 partecipanti; RR 1.12; P=0.0085; I2=0% ).

Una dose molto bassa ha aumentato il rischio di recidiva del 72% ( 13 studi, 2.058 partecipanti; RR 1.72; P=0.0002; I2=70% ) e la sospensione per tutte le cause del 31% ( 11 studi, 1.866 partecipanti; RR 1.31; P=0.0011; I2=63% ).

Rispetto alle dosi basse, una dose molto bassa non ha aumentato in modo significativo il rischio di recidiva ( 5 studi, 686 partecipanti; RR 1.31; P=0.092; I2=51% ) o interruzione per tutte le cause ( 5 studi, 686 partecipanti; RR 1.11; P=0.18; I2=43% ).

Le analisi dei sottogruppi che hanno confrontato gli studi in doppio cieco versus quelli in aperto, gli antipsicotici di prima generazione versus quelli di seconda generazione e gli antipsicotici iniettabili orali versus quelli iniettabili a lunga durata d'azione, sono state coerenti con i risultati complessivi.

Durante il trattamento di mantenimento nella schizofrenia multi-episodio, le dosi di antipsicotici probabilmente non devono essere ridotte al di sotto dell'intervallo di dosi standard raccomandato per la stabilizzazione acuta, poiché un'ulteriore riduzione della dose è associata a un aumento del rischio sia di recidiva che di interruzione per qualsiasi causa. ( Xagena2021 )

Højlund M et al, Lancet Psichiatry 2021; 8: 471-486

Psyche2021 Farma2021


Indietro