Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazioni tra uso di statine e suicidio, depressione, ansia e convulsioni


Le statine hanno mostrato associazioni sia protettive che avverse con gli esiti neuropsichiatrici.
Sono state esaminate le possibili associazioni tra statine e suicidio, depressione, ansia e convulsioni.

Utilizzando i Registri nazionali svedesi, sono stati collegati i dati sulle prescrizioni di statine con i dati sulle visite ospedaliere non-pianificate di emergenza o sulle cure ambulatoriali specializzate per quattro esiti neuropsichiatrici: comportamento suicidario comprese le morti per suicidio, disturbi depressivi, disturbi d'ansia e convulsioni.

Sono stati inclusi tutti gli individui nei Registri a cui erano state dispensate statine e che avevano un'età pari o superiore a 15 anni nel periodo 2006-2013.
È stata confrontata l'incidenza del risultati definiti durante i periodi con statine e i periodi senza statine all'interno di ogni individuo, adattando così i fattori di confondimento invarianti nel tempo.

La coorte di utilizzatori di statine ha compreso 1.149.384 individui, di cui 1.015.949 ( 88.4% ) avevano un'età pari o superiore a 50 anni, 625.616 ( 54.4% ) erano maschi e 523.768 ( 45.6% ) erano femmine.

Il tempo di studio consisteva in 2.053.310 periodi di non-trattamento e 2.997.545 periodi di trattamento, e 957.216 individui ( 83.3% ) hanno presentato un cambiamento dello stato del farmaco ( da statine on a statine off, o viceversa ).

Gli esiti di suicidio sono stati trovati in 6.372 individui ( 0.6% ), disturbi depressivi in ​​23.745 ( 2.1% ), disturbi d'ansia in 30.100 ( 2.6% ) e convulsioni in 28.844 ( 2.5% ).
Non sono state osservate chiare associazioni tra periodi di trattamento con statine e comportamento suicidario o decessi per suicidio ( hazard ratio, HR 0.99 ), disturbi d'ansia ( HR 0.99 ) o convulsioni ( HR 1.00 ).

Le statine sono state associate a rischi ridotti di disturbi depressivi ( HR 0.91 ), associazione che è rimasta dopo l'aggiustamento per l'uso concomitante di antidepressivi ( HR 0.91 ).

Gli hazard ratio per i disturbi depressivi sono stati 0.61 ( n=14.718 ) con l'uso dei diuretici tiazidici e 0.84 ( n=23.715 ) con l'uso di antistaminici.

L'uso di statine non è associato a suicidio, disturbi d'ansia o convulsioni.
Sono necessarie ulteriori ricerche per capire se l'associazione osservata tra l'uso di statine e la riduzione delle diagnosi di depressione clinica sia confusa da benefici non-specifici legati alla prescrizione dei farmaci. ( Xagena2020 )

Molero Y et al, Lancet Psychiatry 2020; 7: 982-990

Psyche2020 Farma2020


Indietro