WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
Xagena Mappa

Associazione tra cessazione del fumo e cambiamenti di peso con malattia cardiovascolare in adulti con e senza diabete


Smettere di fumare riduce il rischio di malattia cardiovascolare, ma l'aumento di peso che segue può indebolire il beneficio relativo alle malattie cardiovascolari.
È stata verificata l'ipotesi che l'aumento di peso dopo la cessazione del fumo non attenui i benefici della cessazione del fumo tra gli adulti con e senza diabete.

Uno studio prospettico di coorte basato sulla comunità ha utilizzato i dati del Framingham Offspring Study raccolti dal 1984 fino al 2011.
Ad ogni esame a 4 anni, è stata valutata l’abitudine al fumo e il paziente è stato classificato come fumatore, recente ex-fumatore ( da 4 anni o meno ), ex-fumatore a lungo termine ( più di 4 anni ) e non-fumatore.

È stata stimata l'associazione tra smettere di fumare ed eventi cardiovascolari a 6 anni per verificare se il cambiamento a 4 anni nel peso dopo la cessazione del fumo abbia modificato l'associazione tra smettere di fumare ed eventi cardiovascolari.

La principale misura di esito era l’incidenza nell’arco di 6 anni di eventi cardiovascolari totali, comprendenti malattia coronarica, eventi cerebrovascolari, malattia delle arterie periferiche e insufficienza cardiaca congestizia.

Dopo un follow-up medio di 25 anni, si sono verificati 631 eventi cardiovascolari tra i 3.251 partecipanti.

L'aumento di peso medio a 4 anni è stato maggiore per i recenti ex-fumatori senza diabete ( 2.7 kg ) e con diabete ( 3.6 kg ), rispetto agli ex-fumatori a lungo termine ( 0.9 kg e 0.0 kg, rispettivamente, P minore di 0.001 ).

Tra i partecipanti senza diabete, il tasso di incidenza corretto per età e sesso per malattia cardiovascolare è stato di 5.9 per 100 esami-persona nei fumatori, 3.2 per 100 esami-persona nei recenti ex-fumatori, 3.1 per 100 esami-persona negli ex-fumatori a lungo termine e 2.4 per 100 esami-persona nei non-fumatori.

Dopo aggiustamento per fattori di rischio cardiovascolare, rispetto ai fumatori, i recenti ex-fumatori hanno avuto un hazard ratio ( HR ) per malattia cardiovascolare di 0.47 e gli ex-fumatori a lungo termine hanno presentato un HR di 0.46; queste associazioni hanno subito solo un minimo cambiamento dopo un nuovo aggiustamento per il cambiamento di peso.

Tra i partecipanti con diabete, ci sono state stime puntuali simili che non hanno raggiunto la significatività statistica.

In conclusione, in questa coorte, la cessazione del fumo è stata associata a un più basso rischio di eventi cardiovascolari tra i partecipanti senza diabete, e l’aumento di peso che si è verificato in seguito alla cessazione del fumo non ha modificato questa associazione.
Questo è a sostegno di un beneficio cardiovascolare netto per chi smette di fumare, nonostante il successivo aumento di peso. ( Xagena2013 )

Clair C et al, JAMA 2013; 309: 1014-1021

Psyche2013 Cardio2013 Endo2013



Indietro