WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa
EPA 2017

Associazione tra anedonia ed eventi cardiaci avversi maggiori ricorrenti e mortalità un anno dopo la sindrome coronarica acuta


La depressione predice gli eventi ricorrenti e la mortalità nei pazienti con sindrome coronarica acuta, ma ha due criteri diagnostici di base con distinte correlazioni biologiche: umore depresso e anedonia ( perdita di piacere o di interesse ).

Uno studio osservazionale ha valutato se l'umore depresso e/o l’anedonia siano in grado di predire gli esiti clinici a un anno nei pazienti con sindrome coronarica acuta.

Questo studio di coorte è stato effettuato sui pazienti post-sindrome coronarica acuta ricoverati nel periodo 2003-2005.
Entro una settimana dal ricovero, i pazienti sono stati sottoposti a un’intervista psichiatrica strutturata per valutare l’umore depresso, l’anedonia e gli episodi depressivi maggiori clinicamente debilitanti.

Inoltre sono stati valutati il punteggio di rischio GRACE ( Global Registry of Acute Coronary Events ), l’indice di comorbidità di Charlson, la frazione d'eiezione ventricolare sinistra, l'uso di antidepressivi e la gravità dei sintomi depressivi utilizzando la scala BDI ( Beck Depression Inventory ).

I partecipanti allo studio erano 453 pazienti con sindrome coronarica acuta ( età 25-93 anni, 42% donne ).

Le principali misure di esito erano mortalità per tutte le cause e documentati eventi avversi cardiaci maggiori ( infarto miocardico, ricovero per angina instabile o rivascolarizzazione coronarica di emergenza ), attivamente monitorati per un anno dopo il ricovero.

Si sono verificati 67 eventi ( 16 decessi e 51 complicanze cardiache; 14.8% ): 108 pazienti ( 24% ) soffrivano di anedonia e 77 pazienti ( 17% ) di umore depresso.

Dopo controllo per sesso, età e covariate mediche, l’anedonia ( hazard ratio aggiustato, HR=1.58; p minore di 0.01 ) è risultata essere un predittore significativo di eventi avversi cardiaci maggiori combinati con mortalità per tutte le cause, a differenza dell'umore depresso.

L’anedonia ha continuato a predire in modo significativo i risultati ( p minore di 0.05 ) quando sono stati eseguiti controlli aggiuntivi per la diagnosi di episodi depressivi maggiori o per la gravità dei sintomi depressivi.

I risultati sono stati confermati utilizzando i punteggi parziali di umore depresso e di anedonia secondo la scala BDI in luogo delle valutazioni dei colloqui clinici.

In conclusione, l’anedonia individua il rischio di eventi avversi cardiaci maggiori e di mortalità per tutte le cause oltre agli indicatori prognostici medici stabiliti, tra cui gli episodi depressivi maggiori e la gravità dei sintomi depressivi. ( Xagena2010 )

Davidson KW et al, Arch Gen Psychiatry 2010; 67: 480-488



Psyche2010 Cardio2010



Indietro