WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Reumatologia

L’alta esposizione alle benzodiazepine aumenta il rischio di mortalità nei pazienti con schizofrenia


I pazienti affetti da schizofrenia, esposti alle benzodiazepine, presentano un aumento della mortalità, mentre l'esposizione agli antidepressivi e agli antipsicotici è risultato associato a una più bassa mortalità.

La relazione tra esposizione cumulativa agli antipsicotici e mortalità tra i pazienti con schizofrenia è stata molto dibattuta negli ultimi anni.
In particolare in Europa, i media pubblici hanno ampiamente sostenuto che l'aspettativa di vita più breve dei pazienti schizofrenici fosse attribuibile all'esposizione a lungo termine ai farmaci antipsicotici e che l'uso di tali farmaci dovesse essere evitato per quanto possibile.
Finora, solo due studi pubblicati hanno descritto il rapporto tra rischio di morte e dose cumulativa degli antipsicotici in popolazioni rappresentative di pazienti, ma questi studi non hanno controllato l'effetto dei farmaci psicotropi somministrati in modo concomitante.

Per studiare la relazione tra rischio di mortalità e l’uso cumulativo di antipsicotici, antidepressivi e benzodiazepine, i ricercatori hanno valutato 21.492 persone svedesi di età compresa tra 16 e 65 anni con diagnosi di schizofrenia.
I dati dal 2006 al 2010 sono stati utilizzati per determinare tutte le cause e i tassi di mortalità causa-specifici.

L’esposizione moderata all’antipsicotico ( hazard ratio aggiustato, aHR = 0.59; IC 95%, 0.49-0.7 ), definita come dosaggio giornaliero compreso tra 0.5 mg e 1.5 mg, e l’alta esposizione ( aHR=0.75; IC 95%, 0.63-0.89 ), definita come dose giornaliera superiore a 1.5 mg, sono risultati associati a una significativamente più bassa mortalità complessiva.

L’esposizione moderata agli antidepressivi è risultata associata a una minore mortalità ( aHR = 0.85; IC 95%, 0.73-0.98 ).
L’elevata esposizione agli antidepressivi era associata alla mortalità ancora più bassa ( aHR = 0.71; IC 95%, 0.59-0.86 ).

L’esposizione alle benzodiazepine ha mostrato una relazione dose-risposta con la mortalità, con un alto hazard ratio ( aHR=1.74; IC 95%, 1.5-2.03 ).

Dallo studio è emerso che l'esposizione cumulativa alle benzodiazepine è apparsa associata a una mortalità sostanzialmente più elevata, mentre l'esposizione agli antipsicotici e agli antidepressivi a una mortalità moderatamente più bassa rispetto al non uso di questi farmaci.
Dal momento che non è stato possibile correggere completamente i dati per gravità della malattia e per caratteristiche di stile di vita ( fumo e dieta ), i risultati riguardanti le benzodiazepine possono essere almeno in parte attribuibili al confondimento residuo.
Tuttavia, secondo gli Autori, i medici che trattano pazienti affetti da schizofrenia dovrebbero riconoscere l'alta mortalità associata all’impiego cronico delle benzodiazepine ad alte dosi. ( Xagena2015 )

Fonte: American Journal of Psychiatry, 2015

Psyche2015 Farma2015


Indietro